Questo è il sito della sezione parmigiana dell’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. La nostra sede cittadina è intitolata a Laura e Lina Polizzi. ANPI nasce come associazione reducistica, e un tempo accoglieva solo i combattenti per la libertà del ’43-’45. Dal 2006 la nostra associazione vive una nuova fase, e si è aperta a tutti quei cittadini che si riconoscono negli ideali di uguaglianza, giustizia sociale e antifascismo che hanno spinto i nostri partigiani a ribellarsi alla dittatura. ANPI coltiva la memoria della lotta contro il fascismo in tutte le sue forme, da quella armata a quella civile, culturale, ideologica.

Qui potrete trovare informazione sulle attività di sezione, approfondimenti sui temi che stanno a cuore ai nostri iscritti, storie e memorie della lotta partigiana nella nostra città.

Se vuoi aiutarci a crescere e migliorare, partecipa al nostro sondaggio!

  • I ribelli della Timo

    Come ogni 30 di aprile, anche ieri abbiamo ricordato Luigi Longhi e Gaudenzio Anselmi, due ragazzi, due antifascisti, membri della resistenza, operai dell’azienda telefonica Timo, che per le loro attività di spionaggio a favore della resistenza vennero deportati a Dachau, da dove non fecero più ritorno. Lo scorso anno si era inaugurata una modalità celebrativa […]


  • L’antidoto

    di Licia Tonelli Insieme si va lontano. Partendo da questo adagio, con alcune sezioni Anpi della provincia di Parma abbiamo pensato di creare una sorta di “filodrammatica sociale” per portare nella comunità le tematiche che più ci stanno a cuore in questo periodo storico. Abbiamo utilizzato i  diversi linguaggi teatrali per parlare di argomenti importanti […]


  • Parma 10 febbraio 2024Presidio creativo in piazza Garibaldi 

    SEGRETI E MISFATTISegreti: contenuti preclusi alla conoscenza altrui,in quanto esclusivi di un ambito ristretto. Misfatti: gravi azioni delittuose. Immagino che il giovane Assange, ragazzo solitario innamorato del computer, abbia cominciato a chiedersi che cosa si nascondesse nei contenuti sconosciuti ai più. Non aveva molta cultura, a causa delle precarie condizioni familiari, in seguito diventerà un […]